logo officine gm

Le Officine GM sono un network di professionisti e creativi.

Ci interessano le nuove tecnologie e le forme di comunicazione associate, non ci spaventano i cambiamenti ed amiamo le sfide.

Chi ci sceglie pensa in grande.

A creare, produrre e promuovere “in grande” ci pensiamo noi.

 

Contatti : info@officinegm.com

 

Officine GM

pezzali

Forse non saprei..a chi scrive davvero Max Pezzali?

Forse non saprei a chi Max Pezzali scrive quando canta questa canzone.

Vorrei proprio chiederglielo stasera.

L’estate offre sempre visioni inaspettate.

Sarà il caldo, sarà che d’estate i pensieri corrono a un passo più umano o solo che si ha un po’ più di tempo per soffermarsi sulle cose.

La radio passa una canzone vecchia, vecchissima, che vagamente ricordo.

Non sono mai stata una fan di Max Pezzali, ovviamente all’epoca dell’uomo ragno non potevo esimermi dal sapere il ritornello a memoria, ma questo è un altro discorso che non affronteremo qui e ora.

Avete mai sentito questa canzone?

Lo so, starete pensando che è ovvio, che scrive la solita canzone d’amore smielata.

Il ritmo, gli accordi…sanno di amore ad alto rischio glicemico.

Ma è sempre tutto come appare?

Vi invito a leggere il testo perchè leggendolo ho pensato che questa canzone fosse dedicata alla sua analista o a una sua qualche figura di riferimento importante.

Insomma, sono tanti gli esempi di canzoni che sembrano dichiarazioni d’amore, che forse lo sono anche, ma in realtà parlano di un altro tipo di amore.

Penso per esempio a Se tu non torni di Bosè che si vocifera essere stata scritta per il suo cane.

Torniamo a noi, a Pezzali, ecco qui il testo. Che magari è proprio d’amore verso la sua ragazza…ma il bello dell’arte è che concede viaggi unici di interpretazioni a tutti noi.

 

Forse non sarei

Come sono adesso

Forse non avrei

Questa forza addosso

Forse non saprei

Neanche fare un passo

Forse crollerei

Scivolando in basso

Invece tu sei qui

E mi hai dato tutto questo

E invece tu sei qui

Mi hai rimesso al proprio posto

I più piccoli

Pezzi della mia esistenza

Componendoli

Dando loro una coerenza

 

Come è bello il mondo insieme a te

Mi sembra impossibile

Che tutto ciò che vedo c’è

Da sempre solo che

Io non sapevo come fare

Per guardare ciò che tu

Mi fai vedere

Come è grande il mondo insieme a te

È come rinascere

E vedere finalmente che

Rischiavo di perdere

Mille miliardi e più di cose

Se tu non mi avessi fatto

Il dono di dividerle con me

 

Forse non avrei

Mai trovato un posto

Forse non potrei

Regalarti un gesto

Forse non saprei

Neanche cosa è giusto

Forse non sarei

Neanche più rimasto

Invece tu sei qui

Sei arrivata per restare

Invece tu sei qui

Non per prendere o lasciare

Ma per rendermi

Ogni giorno un po’ migliore

Insegnandomi

La semplicità di amare

 

Come è bello il mondo insieme a te

Mi sembra impossibile

Che tutto ciò che vedo c’è

Da sempre solo che

Io non sapevo come fare

Per guardare ciò che tu

Mi fai vedere

Come è grande il mondo insieme a te

È come rinascere

E vedere finalmente che

Rischiavo di perdere

Mille miliardi e più di cose

Se tu non mi avessi fatto

Il dono di dividerle con me

 

Come è grande il mondo insieme a te

È come rinascere

E vedere finalmente che

Rischiavo di perdere

Mille miliardi e più di cose

Se tu non mi avessi fatto

Il dono di dividerle con me