logo officine gm

Le Officine GM sono un network di professionisti e creativi.

Ci interessano le nuove tecnologie e le forme di comunicazione associate, non ci spaventano i cambiamenti ed amiamo le sfide.

Chi ci sceglie pensa in grande.

A creare, produrre e promuovere “in grande” ci pensiamo noi.

 

Contatti : info@officinegm.com

 

Officine GM

Debutta a Roma il primo spettacolo teatrale che trae ispirazione dal movimento civile pacifista Women Wage Peace

Comunicato stampa

Roma, 11-12 Marzo 2020 ore 21 Teatro Trastevere – Via Jacopa de’ Sette Soli

Debutta a Roma il primo spettacolo teatrale che trae ispirazione dal  movimento civile pacifista Women Wage Peace, nato nell’estate del 2014 da un piccolo gruppo di donne israeliane. Il gruppo conta ad oggi sul sostegno di migliaia di donne laiche, religiose, di destra e di sinistra, musulmane, ebree e cristiane unite da una sola richiesta: la pace.

In occasione della  Giornata Internazionale dei diritti delle Donne e con il Patrocinio di #4women4earth (campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne di Earth Day Italia) e in collaborazione con il progetto Dire Fare Cambiare, Associazione Zalib e Marte Magazine, l’Associazione M.A.S.C. presenta lo spettacolo “Madri di”.

C’è chi sostiene che quella tra Israele e Palestina sia una guerra senza alcuno sbocco, senza alcuna possibilità di soluzione né di vittoria, da ambo le parti. Ma c’è anche chi sostiene fortemente una possibile convivenza, basata su dialogo e incontro, promuovendo una soluzione non violenta e rispettosa tra le parti.

Promotrice di questa soluzione è Women Wage Peace, grazie a cui nasce l’idea dello spettacolo teatrale Madri di.

A fare da sfondo allo spettacolo teatrale Madri di sono le iniziative di Women Wage Peace, la Marcia della Speranza del 2016 e il Viaggio per la Pace del 2017. Iniziative fortemente sentite e condivise dalla cantante israeliana Yael Deckelbaum, che ha creato appositamente la canzone “Preghiera delle Madri”. https://www.youtube.com/watch?v=YyFM-pWdqrY. Nel 2016, 30.000 donne e uomini hanno preso parte alla marcia di 200 chilometri terminata in una folla oceanica sotto le finestre della casa del primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per chiedere al governo di instaurare un rapporto di pace con i palestinesi. Accanto a loro c’era anche Leymah Gbowee, Nobel per la Pace nel 2011.

Nell’ottobre 2017 la seconda marcia di 2 settimane che ha visto la partecipazione di decine di migliaia di persone dai 4 angoli del Paese.

Lo spettacolo “Madri di” è scritto e diretto da Giulia Corradi e interpretato da Silvia Vallerani e Martina Zucarello.

Sderot, Israele, Settembre 2017: donne israeliane e palestinesi si preparano ad affrontare la seconda Marcia, attraversando con un cammino di due settimane il territorio dello storico conflitto tra le due popolazioni.

Heba, donna palestinese viene accolta per la notte da Shira, una donna israeliana, nella baracca abbandonata dopo i bombardamenti del 2007 (fatto realmente accaduto).

Ma presto, quella che sembra essere solo un’accoglienza pre-partenza si trasforma in una sorta di regolamento di conti.

Due donne, due madri una con un figlio scomparso e l’altra con un figlio morto, fanno in una notte il resoconto di una guerra che hanno subito, raccontando povertà e disparità, denunciando la mancanza di stabilità e le scelte dei potenti che sono ricadute sulle loro vite.

Due donne che rappresentano e personificano il fragile equilibrio di questo conflitto.

Un racconto che non risparmia nessuno e che metterà Heba e Shira una contro l’altra, portando alla luce una terribile verità.

L’associazione M.A.S.C. – Movimento Artistico Socio Culturale – nasce nel 2018 con l’obiettivo di promuove l’arte in tutte le sue forme e nello specifico, unire cultura e sociale attraverso la produzione di spettacoli e laboratori teatrali. Collabora attivamente con Enti e Istituzioni sul territorio italiano e pone particolare attenzione alla formazione delle nuove generazioni.

Per info e contatti:

associazione.masc@gmail.com

www.associazionemasc.it

No Comments
Post a Comment