Officine GM

21 giugno Debutta a Salerno il reading interattivo tratto dal romanzo “E forse una condanna al silenzio” di Ettore Randazzo

2854

DEBUTTA A SALERNO IL PROSSIMO 21 GIUGNO PRESSO il centro congressi internazionale “Salerno Incontra”, sala del Genovesi, IL READING INTERATTIVO TRATTO DAL ROMANZO DI ETTORE RANDAZZO ” E FORSE UNA CONDANNA AL SILENZIO”.
TRA GLI OSPITI DELLO SPETTACOLO READING: Renato Bricchetti (presidente di corte d’appello a Milano), Francesco Mauro Iacoviello (sostituto procuratore presso la corte di cassazione) e Beniamino Migliucci (presidente del consiglio delle camere penali italiane).

Debutta a Salerno il prossimo 21 giugno alle ore 10 presso il centro congressi internazionale “Salerno Incontra, in collaborazione con LA.P.E.C. (laboratorio permanente esame e controesame) e Giusto Processo, lo spettacolo reading  tratto dal romanzo ” E forse una condazza al silenzio” (ed. ETS) di Ettore Randazzo, avvocato penalista ed ex Presidente dell’Unione delle Camere Penali Italiane, che si occupa da tempo di deontologia forense che ha insegnato presso diverse facoltà di giurisprudenza.

Protagonista di “E FORSE UNA CONDANNA AL SILENZIO” è il professore di lettere Franco Eremita (interpretato da Pascal La Delfa) autore di un saggio sulla lingua italiana considerato ”blasfemo”, vittima di una misura cautelare che gli vieta di parlare l’italiano fuori casa.
Il tema centrale del testo è quello di una giustizia incomprensibile e lontana dalla gente, che la considera “affare altrui”. Si mettono in luce le importanti ripercussioni che il processo può avere nella vita di una persona.

La forza dell’opera è, però, quella di offrire allo spettatore innumerevoli spunti di riflessione, riuscendo, attraverso la messa in scena e i suoi personaggi, a rendere concreti e visibili il motore e gli effetti della corruttibilità dell’essere umano, dell’ambizione quando varca il sottile confine che divide l’onestà dalla disonestà e il confine tra ciò che è concesso e quello che il rispetto per gli altri, nonché di noi stessi, dovrebbe farci considerare inammissibile. Il tutto osservato sia dal punto di vista rigoroso dell’autorità giudiziaria, sia dal punto di vista più umano e a volte disperato di chi la giustizia la subisce proprio.

Nell’adattamento realizzato da Ettore Randazzo e Giulia Morello (che ne cura anche la regia) di “ E FORSE UNA CONDANNA AL SILENZIO ”, il testo si arricchisce ulteriormente, ponendo l’attenzione anche su quanto la nostra realtà e la nostra opinione possano essere condizionate dai mass media e dagli ormai frequentissimi processi mediatici che vengono svolti su qualunque fatto di cronaca e su quanto, parlando ancora di confini, sia labile quello tra informare sui fatti e porgere come tali una semplice ipotesi di accusa.

La figura dell’inviato speciale sarà interpretato dall’attore Cristiano Di Calisto.

La scelta di portare in scena il testo come reading deriva dalla volontà di non voler offrire al pubblico “distrazioni teatrali” che pongano una distanza tra lo spettatore e l’attore e di conseguenza una distanza dall’opera. L’inserimento di un attore-voce narrante tra il pubblico serve a rendere questa distanza approssimativamente vicina allo zero, per poter riuscire a fare quello che ogni forma d’arte dovrebbe: non dare risposte ma porsi domande e  rendere lo spettatore attivo, capace, attraverso il confronto, di contribuire con risposte proprie.

Il reading è stato pensato come interattivo, quindi nel corso di ogni data saranno chiamati a prendere parte attivamente allo spettacolo illustri esponenti del mondo della Giustizia e della Cultura.

Per info: LA.P.E.C., sezione di  Salerno, 089/225427 mail: avvsofia@libero.it

 

invito e forse una condanna al silenzio